Interview

Joe Nieves

EN: Joe Nieves is an American actor born on November 22, 1977 in Brooklyn, New York City. Known all over the world for his role as CARL in “How I Met Your Mother”, TOM DIAZ in “Stuck In The Middle” and for having starred in TV series such as: “CSI”, “NCSI”, “NYPD blue” , “The Mentalist”, “West End” and many others and today he told us about his experiences.

IT: Joe Nieves è un’attore statunitense nato il 22 Novembre 1977 a Brooklyn, New York City. Conosciuto in tutto il mondo per il suo ruolo di CARL in “How I Met Your Mother” , TOM DIAZ in “Stuck In The Middle” e per aver recitato in serie tv come: “CSI” , “NCSI” , “NYPD blue” , “The Mentalist”, “West End” e tante altre ed oggi ci ha raccontato le sue esperienze.

INTERVIEW

EN:

Where did your passion for acting come from and what was your journey as an actor?

I wanted to be an American Football player. I played one year at a Division 3 college. While I was there I decided to take an acting class (to meet women). I got the same feeling on stage that I did on the football field. The same rush. I felt at home immediately. I soon realized that a football career wasn’t in the cards for me so I pursued acting. I moved to Los Ángeles from New York City. I had a hunger and passion that could not be satiated. I devoured every play, film, acting class I could. I studied actors and acting. I couldn’t get enough. For some reason I had an innate confidence that I was good at this and I wanted to get better and better. I was fortunate enough to be cast in a few things and the rest is history.

What was the most important character you played?

Important to my career? The first big TV gig I had was on “NYPD Blue” and I was very nervous. Dennis Franz mad me feel right at home and he lost me contribut and made me feel like a creative part of the scenes we did. I learned a lot on that first job. I played a fantastic evil son of a bitch in a movie called the “West End”. That was very fun. My good friend Joe Basile wrote and directed that so that was a great experience.
“How I Met Your Mother” and “Stick in the Middle” are definitely my two most well known roles. I love them both very much. I spent more time on those characters than any other and I am especially grateful for those roles and the people that allowed me to play them for so long.

You played the role of the bartender that everyone would like to be served by, but as a bartender how well do you manage?

All good. I loved playing Carl the Bartender. I have a heart of service personally. I always enjoyed waiting tables. I did it for 15 years and was quite good at it. I love people. I love talking. I love food. I love the drama of opening a wine bottle and presenting a beautiful dinner. I love putting smiles on people’s faces. So a bartender is natural for me. I can also make a fantastic ‘Old Fashioned’.

Joe Nieves in “How I Met Your Mother”

Which actor did you have the most connection with on set?

I’ve worked with a ton of great actors. I’ve worked with Mark Paul Gosselar on several occasions and I thought we really worked well together. Dennis Franz who I talked about earlier really left great impression on me. I had the opportunity to work oposite Ted Danson a few times and he was incredibly giving and welcoming. Neil Patrick Harris makes every scene spectacular so he makes it easy for you. There is chemistry and there is generosity. I consider myself a very generous actor. I do my best to give the other actors what they need from me. I value generosity from other actors the most. These actors I’ve mentioned are all generous.

Are you working on something at the moment?

Work has not yet picked up for me yet since the Pandemic. I look forward to getting back on set soon I do miss it.

You talked about generousity. What’s the most important quality for an actor?

To be a great actor you first must understand storytelling. You must understand a characters intent. Talent and being I tweeting is not nearly enough to be great. A lot of actors don’t understand that and refuse to do the necessary work of fully understanding the story and their characters intentions. Once an actor does this necessary work they have the opportunity to be generous. And also very important is putting your ego aside and understanding that you don’t always ‘win’ in a scene. Sometimes in order for a story to be told effectively your character ‘loses’ or doesn’t shine the most in a scene.

Have you ever played a character far from your personality? A character who you don’t feel yours.

I always find a way to relate. You must. So, I treat them all with love and respect. But the character of Buddy Becellato in “The West End” was an evil bastard. He was fun. I like to consider myself to be a nice man. Buddy was not. Lol. I’ve played a few ‘bad guys’. Another was a character that I did three episodes of “The Mentalist” playing. Another murderous crooked cop. But again, I have to didn’t he humanity in him. We are all the heroes if our stories. We all think we are tue ‘good guy’. Even those of us who do the worst things. I cannot be judge mental of the characters I play. Then they won’t be successful.

After you’ve played a character do you feel the same person? Don’t you feel like you changed a bit?

You know it’s not a distinct feeling. But you subtly change over time. Not enough to where anyone would notice. But little things. The way you move, walk, talk. Character likes and dislikes have become a part of you. This is only for characters you take on for a longer period of time. I enjoy it. It’s discovering new things about yourself. Possibilities and transformations you didn’t expect it would t have had if not for that character.

Joe Nieves in “Stuck In The Middle”

You are surely a successful actor, could you give some tips to all the people who are thinking to become an actor/actress?

Do not act to be ‘famous’. Do not act because people tell you you are beautiful. Act because you have to. Because nothing else can possibly make you happy. Immerse yourself with acting. With film, theatre, television. Study actors. Study film. Work harder than everyone else. An actor is never complete. Always growing. Sharpening. More than anything have no expectations. Just enjoy three journey. Don’t take anything personal. As with anything else love what you are doing and make the most of it. It’s boring but as with everything else in life the hardest worker usually succeeds.

INTERVISTA

IT:

Da dove viene la tua passione per la recitazione e qual è stato il tuo percorso come attore?

Volevo diventare un giocatore di football americano. Ho giocato un anno in un college di Division 3. Mentre ero lì ho deciso di prendere un corso di recitazione (per incontrare donne). Sul palco ho avuto la stessa sensazione che ho provato sul campo di calcio. La stessa adrenalina. Mi sono sentito subito a casa. Ho capito subito che una carriera calcistica non era nelle carte per me, quindi ho iniziato a recitare. Mi sono trasferito a Los Ángeles da New York City. Avevo una fame e una passione che non potevano essere saziate. Ho divorato ogni commedia, film, corso di recitazione che potevo. Ho studiato attori e recitazione. Non ne avevo mai abbastanza. Per qualche motivo avevo un’innata fiducia di essere bravo in questo e volevo migliorare sempre di più. Sono stato abbastanza fortunato da essere scelto per un pò di cose ed il resto è storia.

Qual è stato il personaggio più importante che hai interpretato?

Importante per la mia carriera? Il primo ruolo sul grande schermo che ho avuto è stata su “NYPD Blue” ed ero molto nervoso. Dennis Franz mi ha fatto sentire come a casa e mi ha fatto sentire una parte creativa delle scene che abbiamo fatto. Ho imparato molto in quel primo lavoro. Ho interpretato un fantastico figlio di puttana malvagio in un film chiamato “West End”. È stato molto divertente. Il mio buon amico Joe Basile l’ha scritto e diretto, quindi è stata un’esperienza fantastica.
“How I Met Your Mother” e “Stick in the Middle” sono sicuramente i miei due ruoli più famosi. Li amo entrambi molto. Ho passato più tempo su quei personaggi che su qualsiasi altro e sono particolarmente grato per quei ruoli e per le persone che mi hanno permesso di interpretarli per così tanto tempo.

Hai interpretato il ruolo del barista da cui tutti vorrebbero essere servito, ma come barista come te la cavi?

Tutto bene. Mi è piaciuto molto interpretare Carl il barista. Personalmente ho un cuore di servizio. Mi è sempre piaciuto servire i tavoli. L’ho fatto per 15 anni e sono stato abbastanza bravo. Io amo le persone. Amo parlare. Amo il cibo. Adoro lo spettacolo di aprire una bottiglia di vino e presentare una bella cena. Adoro mettere sorrisi sui volti delle persone. Quindi un barista è naturale per me. So anche fare un fantastico “Old Fashioned”

Con quale attore eri più legato sul set?

Ho lavorato con un sacco di grandi attori. Ho lavorato con Mark Paul Gosselar in diverse occasioni e abbiamo lavorato davvero bene insieme. Dennis Franz, di cui ho parlato prima, mi ha davvero impressionato. Ho avuto l’opportunità di lavorare un paio di volte di fronte a Ted Danson ed è stato incredibilmente disponibile e accogliente. Neil Patrick Harris rende spettacolare ogni scena, così ti rende tutto più facile. C’è chimica e c’è generosità. Mi considero un attore molto generoso. Faccio del mio meglio per dare agli altri attori ciò di cui hanno bisogno da me. Apprezzo di più la generosità degli altri attori. Questi attori che ho citato sono tutti generosi.

Stai lavorando a qualcosa in questo momento?

Dopo la pandemia, il lavoro non è ancora stato ripreso per me. Non vedo l’ora di tornare presto sul set, mi manca.

Hai parlato di generosità. Qual è la qualità più importante per un attore?

Per essere un grande attore devi prima capire la narrazione. Devi capire l’intento di un personaggio. Il talento che ti sto dicendo non è abbastanza per essere grandi. Molti attori non lo capiscono e si rifiutano di fare il lavoro necessario per comprendere appieno la storia e le intenzioni dei loro personaggi. Una volta che un attore fa questo lavoro necessario, ha l’opportunità di essere generoso e anche molto importante è mettere da parte il tuo ego e capire che non sempre “vinci” in una scena. A volte, affinché una storia venga raccontata in modo efficace, il tuo personaggio “perde” o non brilla di più in quella scena.

Hai mai interpretato un personaggio lontano dalla tua personalità? Un personaggio che non senti tuo.

Trovo sempre un modo per relazionarmi. Devi. Quindi, li tratto tutti con amore e rispetto. Ma il personaggio di Buddy Becellato in “The West End” era un malvagio bastardo. È stato divertente. Mi piace considerarmi un brav’uomo, Buddy non lo era, lol. Ho interpretato alcuni “cattivi ragazzi”. Un altro era un personaggio che ho interpretato in tre episodi di “The Mentalist”, un altro poliziotto corrotto assassino. Ma ancora una volta, non devi perdere l’umanità che c’è in lui. Siamo tutti gli eroi delle nostre storie, pensiamo tutti di essere dei “bravi ragazzi”. Anche quelli di noi che fanno le cose peggiori. Non posso giudicare mentalmente i personaggi che interpreto altrimenti non avranno successo.

Dopo aver interpretato un personaggio ti senti la stessa persona? Non ti senti come se fossi cambiato un po ‘?

Sai è una situazione diversa, ma tu cambi sottilmente nel tempo. Non abbastanza da farlo notare a chiunque, ma cambi piccole cose. Il modo in cui ti muovi, cammini, parli. Le simpatie e le antipatie dei personaggi sono diventate parte di te. Questo è solo per i personaggi che interpreti per un periodo di tempo più lungo. È piacevole. È come scoprire cose nuove su di te. Possibilità e trasformazioni che non ti aspettavi di ottenere se non fosse stato per quel personaggio.

Sei sicuramente un attore di successo, potresti dare qualche consiglio a tutte le persone che stanno pensando di diventare un attore / attrice?

Non fingere di essere “famoso”. Non agire perché le persone ti dicono che sei bello. Agisci perché devi. Perché nient’altro può renderti felice. Immergiti nella recitazione con film, teatro, televisione. Studia gli attori. Studia i film. Lavora più di chiunque altro. Un attore non è mai completo. Sempre in crescita, in trasformazione. Più che altro non avere aspettative. Goditi solo il viaggio. Non prendere nulla sul personale. Come con qualsiasi altra cosa, ama ciò che stai facendo e sfruttalo al meglio. È noioso ma, come per qualsiasi altra cosa nella vita, il lavoratore più duro di solito ha successo.

Click Here to visit Joe on Instagram!